Profundidad de navegación: Principal / Eco-Turismo
Del Perú

Inca, la vertigine del potere

Redazione

Le ultime scoperte gettano nuova luce sul più grande impero precolombiano. I sovrani andini sottomisero regni e scolpirono montagne a oltre 2mila metri di altitudine. Pur non avendo utensili di ferro né la ruota muovevano pietre di oltre 100 tonnellate.
Vedi il video: vola sul Machu Picchu. Anteprima da Nat Geo Italia aprile 2011

fotografie di Robert Clark

Con le sue pietre accuratamente squadrate e la cascata di terrazze disposte alla perfezione, la tenuta imperiale di Machu Picchu in cima alle Ande peruviane testimonia la maestria edilizia degli Inca.

"A parte i lusinghieri racconti narrati dai nobili inca poco dopo l'arrivo dei conquistadores, per lungo tempo gli studiosi hanno avuto a disposizione poche informazioni sui loro sovrani. (...)
Ora gli studiosi stanno recuperando il tempo perduto. Setacciando gli aspri pendii montani attorno a Cusco, gli archeologi stanno scoprendo migliaia di siti finora sconosciuti che gettano nuova luce sulle origini della dinastia inca. Grazie ai documenti coloniali si va chiarendo l'ubicazione di alcune proprietà reali e si esaminano i complessi rapporti nella casa imperiale. E ai confini dell'impero scomparso inizia a comporsi un mosaico di drammatiche testimonianze delle guerre e delle battaglie psicologiche combattute dai sovrani inca per unire in un unico regno decine di gruppi etnici. La straordinaria abilità con cui riuscirono a trionfare sui campi di battaglia e a costruire tutta una civiltà non lasciava dubbi ai nemici su chi fosse il popolo più forte al mondo."
(estratto dall'articolo di Heater Pringle)

Fonte:Machu Picchu

Il testo integrale dell'articolo è su National Geographic di aprile in edicola
Fecha: 31/03/2011
Fuente: www.nationalgeographic.it
Compartir en Facebook Compartir en Delicious Compartir en Yahoo Compartir en Google
Radioteca, UNESCO y Código Sur apoyan la construcción de esta web, pero no necesariamente comparten y adhieren a los contenidos publicados, siendo estos absoluta responsabilidad de las organizaciones usuarias.
Los contenidos de este sitio web están bajo una Licencia Creative Commons Reconocimiento-NoComercial-SinObraDerivada 3.0.
Este sitio ha sido diseñado por Código Sur y es administrado con el editor dinámico de contenidos Cyclope 2.0 que ha sido desarrollado por Código Sur.
Este sitio ha sido desarrollado sobre estándares de diseño web, cualquier navegador de calidad lo visualizará correctamente:
Konkeror Mozilla Firefox Epiphany Opera Safari Google Chrome